Sessa Aurunca

La cittadina di Sessa Aurunca è di antichissima origine, come testimoniano le tracce preistoriche e le necropoli risalenti all’VIII sec. a.C., epoca in cui è abitata dagli Aurunci. Nel IV secolo a.C. diviene colonia romana e conosce un periodo di grande ricchezza e massima espansione, che termina col declino dell’impero, quando Sessa vive un periodo di grande decadenza, per ritrovare la sua importanza tra il XIV e il XV sec. sotto il ducato dei Marzano. In seguito il feudo viene concesso a Gonzalo Fernández de Córdoba, appartenente ad una delle più illustri famiglie spagnole.

Numerose sono le opere artistiche che testimoniano l’importanza che Sessa Aurunca ha avuto nel corso dei secoli già a partire dalla dominazione romana.

Da non perdere è la visita al Teatro Romano, al Ponte degli Aurunci, al Castello e alle numerose chiese che di seguito verranno illustrate. Anche nei dintorni di Sessa Aurunca ci sono diverse frazioni, dove è possibile visitare architetture storiche ed ecclesiastiche.

La zona è anche di grande interesse naturalistico per la sua varietà morfologica e offre spunti per escursioni interessanti in un habitat naturale d’incontaminata bellezza. La posizione di Sessa Aurunca è strategica poiché centrale rispetto al mare (litorale domizio), alle sorgenti termali (Suio) e alle colline del Parco.

Sessa Aurunca è nota anche per le antiche tradizioni legate ai riti della religione cattolica. Da secoli gli abitanti si riuniscono in occasione della “Settimana Santa” partecipando alle processioni che attraversano il borgo in un’atmosfera di grande intensità religiosa e fascino mistico tra fede e folklore.